Manifesto del Bravo Ma Basta Film Festival

Read this in: English

Il BMB nasce per dare spazio e visibilità ai B-MOVIES casalinghi, realizzati da autori che non disponendo di budget elevati contano soprattutto sulla loro grande passione per il cinema unita a una grande dose di auto-ironia. Film che in genere vengono penalizzati per la loro povertà di mezzi (ma non di espressione) nei numerosi festival italiani e stranieri.
Il BMB non è però il refugium peccatorum dei film scartati agli altri festival, né la fiera della masturbazione mentale. Tantomeno un posto in cui corti pluripremiati altrove o realizzati con budget astronomici possono credere di venire a fare facilmente piazza pulita: al BMB troveranno agguerriti concorrenti in film realizzati con pochi euro e tanti amici.
Il BMB è “dove il genio compensa la mancanza di mezzi”. Non schifiamo film ad alto budget o realizzati da professionisti, è il rapporto qualità/mezzi che conta: da un film da diecimila euro di budget (!) ci aspettiamo perlomeno una scena di battaglia tra alieni e mutanti. Inoltre, per noi è importante la capacità di stupire e divertire il pubblico: la profondità dei personaggi, le sottigliezze registiche e i dialoghi ispirati sono del tutto inutili, se il film è soporifero.

Il BMB è soprattutto una festa, una possibilità per gli autori di incontrarsi e confrontarsi liberamente. Quindi, indipendentemente dai film selezionati e dal loro risultato ci auguriamo di trovare la sala del Festival ancora una volta piena di persone divertenti e interessanti.

Consigliamo comunque a tutti coloro che volessero partecipare, sia filmmaker alle prime armi che navigati registi, di leggere la Survival Guide to BMB pubblicata sul sito.

Dalla terza edizione il BMB ha ospitato la mostra FUMETTI CHE DOVRESTI CONOSCERE. L’evento è stato molto apprezzato e abbiamo deciso di ampliare lo spazio dedicato agli autori di fumetti trash e underground.
Invitiamo tutti gli autori di fumetti autoprodotti a inviarci le loro opere, gli autori selezionati saranno invitati alla rassegna e le loro opere saranno esposte nel locale in cui si svolgerà il Festival, per tutta la durata della manifestazione. Inoltre, ognuna di esse sarà recensita da Andrea Plazzi.

dove il genio compensa la mancanza di mezzi

Using this website you agree that some cookies will be used by our system and third party services more info

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close